CANCRO COLON e COLON RETTO

Il cancro del colon (cancro dell’intestino o carcinoma del colon) si forma a partire dai polipi.

Infatti la lesione precancerosa è il polipo, a lento sviluppo, e la colonscopia ha reso possibile metodi di indagine e di sorveglianza, che permettono l’individuazione e l’asportazione delle lesioni in uno stadio curabile, con conseguente riduzione della mortalità (prevenzione secondaria).

Fattori di rischio:

  • Età maggiore 50 anni (90% casi)
  • Presenza di polipi
  • Storia familiare di cancro
  • Poliposi familiare del colon
  • Sindromi ereditarie di cancro senza poliposi
  • Malattie infiammatorie intestinali
  • Immunodeficienza (AIDS)
  • Presenza di tumore di utero, ovaio, mammella

I sintomi del cancro colon dipendono dallo stadio di malattia e dalla sede.

Se il cancro è nel cieco (cancro del cieco) o nel colon destro (cancro del colon ascendente) sono più tardivi e può aversi:

  • Anemia da perdita cronica di sangue
  • Fiacca (astenia) e affanno (dispnea da sforzo)
  • Calo ponderale

Se il cancro è nel retto (cancro del colon retto) o nel sigma (cancro del sigma) può esserci:

  • Sanguinamento acuto
  • Fastidio addominale
  • Dolore al basso ventre (tenesmo rettale)

il cancro può trovarsi anche nel retto basso o nell’ano (cancro all’ano).

Il Gastroenterologo consultato può avvertire all’addome una massa palpabile, possono esserci:

  • Dolori addominali
  • Crampi
  • Modifiche delle abitudini di evacuazione (alvo)
  • Disturbi alla minzione ed ai genitali (disturbi urogenitali).

Per la diagnosi del cancro colon occorre fare la colonscopia. La diagnosi differenziale del cancro colon va fatta con:

In caso di sanguinamento, può rendersi necessario un esame del sanguo occulto fecale.

La terapia del cancro del colon prevede come trattamento di scelta l’asportazione chirurgica di:

  • Tutta la massa tumorale
  • Linfonodi satelliti
  • Metastasi resecabili

Chemioterapia e radioterapia sono complementari.

Torna su